Avrai già sentito dire che un’immagine vale più di mille parole; quello che forse non ti hanno mai detto è che a volte le immagini, da sole, non bastano: per questo impareremo a usarle per ideare, strutturare, definire e raccontare una storia. Una qualunque storia. Lavoreremo con il DNA della narrazione, gli elementi comuni a qualunque forma di racconto: scoprirai che sono moltissimi, e sempre ricorrenti.

Impareremo il linguaggio degli sceneggiatori: parleremo di tema e controtema, di plot e subplot, di protagonisti, antagonisti, mentori e alleati. Ci occuperemo della straordinaria importanza del conflitto nel cinema (e nella narrazione in genere), e vedremo cos’è la progressione drammatica verso un climax.

Sarà un corso molto pratico: prepareremo soggetti, scalette, trattamenti e scene con personaggi e dialoghi. Vedremo quali sono i trucchi per non annoiare il pubblico e fargli capire per bene cosa vogliamo raccontare. Vedremo spezzoni di film e impareremo come guardarli, analizzarli e criticarli. Capiremo quale significato vuole comunicare un regista quando gira un film. Mostreremo come si dirigono gli attori e parleremo del metodo Stanislavskij.”

Impareremo il linguaggio degli sceneggiatori: parleremo di tema e controtema, di plot e subplot, di protagonisti, antagonisti, mentori e alleati. Ci occuperemo della straordinaria importanza del conflitto nel cinema (e nella narrazione in genere), e vedremo cos’è la progressione drammatica verso un climax.

Analizzeremo le più comuni strutture narrative: impareremo cos’è un set-up, un incidente scatenante, un mid-point e un climax. E infine, parleremo delle differenze tra il lungo e il cortometraggio, di come si inizia e si conclude un film.

 

Scrivere per immagini

Lascia un commento